MovimentoInStatale

Tra poco sarà votato il Disegno di Legge Quadro sull'Università. Sono previsti rettori manager, tagli e fondazioni private!


    CS Transiti+Ambulatorio Medico Popolare, rischio sfratto, appuntamento - Attenzione al CaneMalatoDeCorato

    Condividi

    Admin
    Admin

    Numero di messaggi : 158
    Età : 30
    Data d'iscrizione : 26.10.08

    CS Transiti+Ambulatorio Medico Popolare, rischio sfratto, appuntamento - Attenzione al CaneMalatoDeCorato

    Messaggio  Admin il Sab Gen 24, 2009 11:13 pm

    Appuntamento: Martedì mattina 27 Gennaio h 6.00 davanti alla Casa Occupata in via Transiti 28, che dovrebbe subire lo sfratto.

    Transiti: via Transiti 28 MM1 Pasteur

    Attenzione, Attenzione, via Transiti è un posto speciale, è necessario che siano presenti moltissime persone. In un locale adiacente al cosiddetto centro sociale si trova l'Ambulatorio Medico Popolare, che ovviamente rischia anch'esso lo sfratto!

    Ma Che Razza di Idee!

    L’Ambulatorio Medico Popolare (Amp) è una associazione legalmente riconosciuta, autogestita e autofinanziata che ha iniziato la sua attività in difesa del diritto alla salute nel giugno 1994.
    Da allora le attività dell’Amp hanno affrontato diversi ambiti delle politiche sanitarie: dalla assistenza sanitaria di base gratuita per tutti e tutte, con un ambulatorio aperto due pomeriggi alla settimana, all’informazione e alla organizzazione di campagne di lotta sul diritto alla salute con una particolare attenzione ai diritti della popolazione migrante.
    All'interno della sede dell'AMP hanno poi trovato spazio il Telefono Viola contro gli abusi psichiatrici, che ha aperto il centralino di ascolto nel 1996, e il consultorio donne, che, dopo una prima esperienza dal 1995 al 2000, ha ricominciato l'attività nel novembre 2008.
    In questi quindici anni di attività, l'Ambulatorio Medico Popolare ha assistito ad una crescente perdita di diritti per uomini e donne migranti e al contemporaneo degenerare delle relazioni metropolitane in senso razzista.

    Per adesioni e info:
    ambulatorio.popolare@inventati.org
    Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
    02-26827343
    lun 15.30-18.30 gio 17.30-20.00 (ambulatorio)
    mar 18.00-19.30 (consultorio per donne)

    L’Amp si propone come punto di riferimento per la costruzione di un’informazione diversa mirata al reale coinvolgimento dei soggetti, per diventare luogo di auto-organizzazione dei bisogni reali. In quest’ottica, l’ambulatorio ha sempre sostenuto l’acquisizione da parte delle donne di una capacità critica rispetto alle risposte che la medicina propone ai problemi della salute femminile, a partire dalla considerazione che sessualità, maternità e contraccezione non sono patologie e che la cultura che le vuole medicalizzare impone privazione di libertà e di auto-determinazione. Le carenze e le inadempienze istituzionali nei confronti degli immigrati hanno portato col tempo a legare l’attività dell’Amp prevalentemente alle richieste della popolazione migrante. Nonostante ciò non intendiamo caratterizzarci con una attività di generico volontariato, ma intendiamo piuttosto praticare una solidarietà militante affinché il fenomeno migratorio non venga affrontato solo come un problema di pubblica sicurezza. Per questo motivo portiamo avanti battaglie per l’estensione dei diritti e delle garanzie di cittadinanza per tutti, esplicitando fin dal principio l’intenzione di chiudere le attività dell’Amp non appena il diritto alla salute sia realmente garantito a tutti.


    Ultima modifica di Admin il Lun Gen 26, 2009 11:16 pm, modificato 2 volte
    avatar
    Orso SIE

    Numero di messaggi : 20
    Data d'iscrizione : 26.10.08

    Re: CS Transiti+Ambulatorio Medico Popolare, rischio sfratto, appuntamento - Attenzione al CaneMalatoDeCorato

    Messaggio  Orso SIE il Dom Gen 25, 2009 2:42 pm

    difendiamo i transiti

    Admin
    Admin

    Numero di messaggi : 158
    Età : 30
    Data d'iscrizione : 26.10.08

    Interrogazione - De Corato Riccardo a Maroni, Ministro dell'Interno

    Messaggio  Admin il Dom Gen 25, 2009 5:25 pm

    http://banchedati.camera.it/sindacatoispettivo_16/showXhtml.Asp?idAtto=8449&stile=6&highLight=1&paroleContenute=%27INTERROGAZIONE+A+RISPOSTA+ORALE%27


    Atto Camera

    Interrogazione a risposta orale 3-00314
    presentata da
    RICCARDO DE CORATO
    giovedì 15 gennaio 2009, seduta n.115


    DE CORATO. - Al Ministro dell'interno.- Per sapere - premesso che:

    lo scorso 21 dicembre 2008 alle ore 18.30, un gruppo di ragazzi incappucciati, presumibilmente del centro sociale La Pergola di Milano, hanno steso sull'asfalto del centro cittadino, in via De Castillia, uno striscione con la scritta: «Alexis vive, sbirri maledetti». E poco dopo al centro della rotatoria di Largo De Benedetti, in prossimità della suddetta via, gli incappucciati hanno incendiato alcuni copertoni d'auto, sbarrando la strada con alcuni new jersey in plastica (di quelli che si usano per i cantieri stradali) e bloccando il traffico cittadino;

    lo scorso 3 gennaio 2009 aderenti dei centri sociali di Milano, infiltrati in un corteo di islamici Pro Hamas, hanno sequestrato per ore il centro cittadino; hanno sfondato i cordoni delle Forze dell'Ordine insieme ai musulmani, concludendo il corteo senza autorizzazione in piazza Duomo; hanno incitato all'odio contro lo Stato di Israele e hanno pilotato la preghiera verso la Mecca avvenuta in piazza Duomo;

    lo scorso 12 gennaio 2009 alcuni aderenti ai centri sociali, tra cui La Panetteria Okkupata e il Cantiere, si sono scontrati con le Forze dell'Ordine per impedire una manifestazione pro Israele al Teatro Strehler di Milano;

    questa situazione è inaccettabile posto che, secondo l'interrogante, i frequentatori di alcuni centri sociali sono alla perenne ricerca di occasioni per sobillare le piazze: consta all'interrogante che sia accaduto lo scorso giugno con gli inutili tentativi di sollevare i rom di Triboniano, lo scorso settembre con gli extracomunitari per il caso del ragazzo di colore morto a sprangate in via Zuretti a Milano, lo scorso ottobre con gli studenti per la riforma della scuola e ora con gli islamici pro Hamas -:

    se a seguito del grave episodio accaduto in pieno pomeriggio, in una zona centrale della città, gli autori siano stati identificati e denunciati posto che, pare, i responsabili frequentino il centro sociale La Pergola;

    se si intendano assumere iniziative con riferimento alla decina di centri sociali presenti a Milano, che, secondo l'interrogante, alimentano violenza, provocano disordini, e che occupano abusivamente aree pubbliche o private, anche da svariati decenni, a tutela dell'ordine pubblico.(3-00314)

    Contenuto sponsorizzato

    Re: CS Transiti+Ambulatorio Medico Popolare, rischio sfratto, appuntamento - Attenzione al CaneMalatoDeCorato

    Messaggio  Contenuto sponsorizzato


      La data/ora di oggi è Gio Apr 26, 2018 10:13 am